Ascolta Radio Bresciasette
Radio Bresciasette
Ascolta Radio Bresciasette
Radio Classica Bresciana
TROVA IL MUSEO
Parole cercate
Comune
image
Una formazione di alto profilo per un mondo dell’arte in piena trasformazione.
Eventi
Domenico Lusetti

Ultimo giorno per la mostra dedicata allo scultore Domenico Lusetti (1908-1971). Una selezione di più di cento opere di grafica e scultura dell'artista che, dalle sponde del fiume Oglio, ha portato il suo messaggio artistico fino a New York, Berlino, Parigi, Zurigo e Londra. Orario d'apertura 9-12, 14.30-17.30.

Un percorso tra i periodi artistici dello scultore, che nel plasmare la materia, una materia variegata e multiforme fatta di ceramica smaltata, bronzi ispidi, terracotta che diventa cruda e friabile, gessi colorati, pietre levigate, grezze o scalpellate, dà vita a volti, corpi, emozioni. Diceva Lusetti: «Amo ciò che caratterizza l’elemento tenace e incorruttibile della natura. La scultura, per me, non è che la precisazione di questi valori, la rivelazione della loro trascendente natura. Ciò che conta è l’umana realtà, l’aspirazione al sovrannaturale. Null’altro può sussistere di veramente poetico e grande»

 


DOVE: Borgo San Giacomo
QUANDO: 30 novembre
"Visioni"

Personale "Visioni" di Franco Balduzzi. Orari d'apertura: venerdì e sabato 16-19; domenica 10-12, 15.30-19.30.

Alchimista del colore, come lo ha definito il curatore della mostra, Balduzzi è un artista dal sapere antico che da solo realizza i propri pigmenti di origine vegetale e minerale nella costante ricerca del colore perfetto, quel colore creato e usato dai grandi pittori del Rinascimento che abbinato alla difficile tecnica della velatura (praticata dai grandi come Leonardo, Caravaggio, Giorgione…) lo colloca nel filone del realismo.

Al centro delle sue opere vi è la figura umana, poiché, da sempre, l’autore indaga le diverse anime e le diverse estetiche legate alla pittura perseguendo con la sua arte il compito di collegare l’onirico con il mondo reale.

Franco Balduzzi, anche in questa mostra, con l’umiltà che lo contraddistingue, prosegue il compito lasciato in eredità dai grandi pittori: quello di mediare con la sua abile arte figurativa, tra cielo e terra, tra uomo e natura e lo fa con la qualità eloquente dei suoi lavori parlando dal cuore al cuore.


DOVE: Sarezzo
QUANDO: 5-24 novembre
"AcquAria. Legni d'acqua, pietre d'aria"

Mostra “AcquAria. Legni d’acqua, pietre d’aria” di Davide Alborghetti a cura di Fausto Lorenzi. Orari: dal martedì alla domenica, dalle 16 alle 19.30. 

«La mostra – scrive il presidente di AAB Massimo Tedeschi nella prefazione del catalogo - segna una tappa significativa e, siamo sicuri, foriera di ulteriori importanti sviluppi nel ventennale percorso di questo artista che, muovendo da alcune suggestioni assimilate nel laboratorio di Franca Ghitti, ha intrapreso strade espressive originali, linguaggi autonomi, usi inediti e sperimentali di materiali diversi: dal vetro al legno, dalla pietra al plexiglas, dal nylon alle pagine di libri». «Davide Alborghetti – sottolinea Fausto Lorenzi nel testo critico che correda il catalogo - racconta il viaggio dell’uomo nella natura e nella storia attraverso l’acqua e l’aria. Con lui pare di ritornare ai filosofi presocratici, che s’interrogavano sulle forze che governano la natura. Di fondo, costruisce tutta la mostra all’Aab, che concentra un filone di ricerca degli ultimi vent’anni, su due materiali: il legno per il primo elemento, la pietra d’alabastro per il secondo, e due colori, il blu per il primo, il bianco per il secondo. Tutte le opere che si incontrano nella mostra-installazione AcquAria sono unite nella capacità di suggerire fluenze spaziali, come se inventassero luoghi acquorei e ariosi. Perciò recano impronta di energie che vengono dal corpo della Madre Terra».


DOVE: Brescia
QUANDO: 11-27 novembre
Fausto Faini

Fino al 25 novembre, mostra di pittura dell'artista Fausto Faini dal titolo "Segno, forma e colore". Orari: lunedì 14-18, martedì 10-12, mercoledì 14-18, giovedì 14-18 e 20-22, venerdì 10-12 e 14-18, sabato 9-12 e 16-19, domenica 16-19.

L’evento organizzato dal Comune di Castegnato - Assessorato alla Cultura - in collaborazione con la Biblioteca Comunale “Martin Luther King” e curato da Romano Mazzola, ha il merito di presentare alcune tra le opere più significative e gli ultimi lavori dell’eclettico e sensibile artista di Preseglie.
Fausto Faini, classe 1951, torna ad esporre dopo i lusinghieri successi ottenuti nelle mostre realizzate negli scorsi anni presso la Sala Mostre dei Santi Filippo e Giacomo di Brescia , il Caffè Nazionale di Aosta e la prestigiosa sede di Palazzo Avogadro di Sarezzo nel 2017.
Le sue opere sono frutto di un dialogo continuo con il mondo che lo circonda e sono realizzate con una grande varietà di colori, di tecniche e l’utilizzo di molteplici materiali, questo a significare la continua ricerca svolta dall’artista nella realizzazione della sua originale forma espressiva.


DOVE: Castegnato
QUANDO: 12-24 novembre
"Sguardo sul '900 / Indagine sull'ambiente"

Ultimo giorno per la mostra "Sguardo sul '900 / Indagine sull'ambiente" collettiva di artisti bresciani, palazzolesi e bergamaschi. Orari: dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19.


DOVE: Palazzolo
QUANDO: 25 novembre
Augustas Serapinas

Mostra "Augustas Serapinas - Waiting for another time". Orari: da martedì a sabato 11-18.


DOVE: Brescia
QUANDO: Fino al 11-01-2019
Levalet, mostra personale

Mostra personale di Levalet, a cura di Lionel Abrial. Fino al 2 dicembre con orari da mercoledì a domenica 16-20. Per appuntamenti: Info@carmebrescia.it


DOVE: Brescia
QUANDO: 17-18 novembre, 21-25 novembre, 28 novembre-1 dicembre
"Io e gli altri"

Mostra "Io e gli altri" collettiva di 41 artisti, fino al 2 dicembre il sabato e la domenica:  dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19.

 Artisti:

Palmira Bardelloni, Ivan Battaglia, Tiziana Bazzani, Sandro Beffa, Ennio Bettoni, Daniela Bianchi, Gianluigi Biscuola, Francesco Bracchi, Tomaso Bracchi, Gianni Buzzi, Silvia Casilli, Andrea Cigala, Pierluigi Concheri, Giovanni Faini, Lia Fantoni, Vittorina Ferrari, Ivan Garrini, Adriana Ghidinelli, Lucia Luzzi, Livia Giovanna Marpicati, Manuela Marziali, Caudio Loda, Giuliano Lorandi, Fabiano Paterlini, Marco Paterlini, Giovanni Pizzini, Giuseppe Prandelli, Samuele Ravarini, Anna Savoldi, Elisa Taiola, Angela Tartamella, Tiziano Terzi, Ivana Tira, Vittorio Treccani, Elio Uberti, Paola Venturini, Amos Vianelli, Donato Virgilio, Franco Volonghi, Bruna Zeni,  Rosangela Zipponi.   

Evento di Arte Contemporanea organizzato dal GruppoArtistiBagnoloMella (GABM) al Palazzo Bertazzoli di Bagnolo Mella dal 18 novembre al 2 dicembre 2018.

Il piacere di esporre con altri artisti è sempre stato per tutti i “lavoratori dell’arte” un momento magico e gratificante.

Un momento che mette a confronto tanti stili, tanti pensieri, tante emozioni e tanta curiosità.

Un momento magico, dove tutta la tua personalità si esteriora ed entra in contatto con le esperienze altrui.

Un momento dove il tuo lavoro viene riconosciuto e gratificato dalle critiche degli artisti e dal visitatore. Ogni parola è importante e arricchisce la propria esperienza.

L’artista che si pone nella condizione di visitatore ed entra nell’opera del collega ne trova sicuramente beneficio. Il piacere di confrontare lo stile, i colori, copiare l’idea per svilupparne altre, ritengo sia molto importante per la crescita personale. Ti permette di far emergere sentimenti ed emozioni che sono presenti nel tuo io, hanno solo bisogno di essere stimolati.

Questo è l’intento della mostra, un io che cerca negli altri un contatto per crescere.

Una mostra che pretende la presenza di tutti gli artisti per un ampio dialogo.

Per concludere pongo all’attenzione degli artisti un pensiero che mi piacerebbe condividere, “l’arte trasfigura nel bene”. Fabiano Paterlini

 


DOVE: Bagnolo Mella
QUANDO: 19 novembre-1 dicembre
Mareo Rodriguez

Mostra personale di Mareo Rodriguez dal titolo "Expansion". Aperta al pubblico dal giovedì al sabato dalle 15.30 alle 19.30 o su appuntamento.

"Expansion" dal latino, expansion, azione ed effetto dell'espansione o espansione. Azione per esternare effusivamente un sentimento o umore. Il lavoro di Mareo Rodríguez è organico. Le sue trame evocano paesaggi di altri tempi, forse un effetto nostalgico sul suo passato tra memoria e oblio. La natura, la materia e l'immaterialità e il trascorrere del tempo lasciano la loro impronta su rilievi e volumi che l'artista usa abilmente per articolare il presente.

Quando si contempla il suo lavoro, si percepisce il potere plastico esercitato dal colore nero latente in molte delle sue composizioni. Il nero e il suo potere metaforico associato al dolore, alla morte e al lutto assumono una nuova connotazione nella sua produzione. Quando Kasimir Malevich presentò la sua Black Square nel 1915, affermò che il suo lavoro non era un'imitazione della realtà ma era una realtà in sé. Con ciò ha enfatizzato l'idea che il suo lavoro non fosse una dimostrazione di abilità, ma la materializzazione di un'idea e che la materializzazione sia ciò che cerca Mareo. Il suo nero illumina, attrae e cattura l'attenzione dello spettatore in un viaggio che evoca un'introspezione personale. Osservando le loro opere, ci invitano a riflettere sulla componente spirituale che circonda ognuna delle nostre azioni quotidiane. La sua determinazione a esplorare la relazione tra la materia e il passare del tempo sono tradotte in pennellate sciolte e trame che ci ricordano la lava vulcanica. Una lava che si rivela a noi come una forza primordiale, come un creatore e distruttore di tutto ciò che è organico e ci incoraggia a riflettere sulla fragilità dell'essere umano. Mareo gioca con una dicotomia cromatica costante nella sua produzione artistica. Sempre alla ricerca di un equilibrio spirituale, combina, gioca e si esprime attraverso toni solidi e forti. Il suo universo è composto da bianchi immacolati, neri puri e riflessi dorati. Luci e ombre come una forma di espressione intervallata da raffiche dorate che illuminano e completano le opere. L'oro è accennato come una metafora dell'alchimia e del potere della trasmutazione della materia. La sua lotta per raggiungere l'equilibrio spirituale si riflette in queste combinazioni: una ricerca incessante della rappresentazione artistica della natura e, alla fine, di se stesso. Frequenze e Mantos rivelano la loro ansia di studiare e cercano di decodificare la relazione tra organico e geometria come pilastri per comprendere la natura. Le vertigini scavano in una delle ossessioni di ogni essere umano che non è altro che il desiderio di controllare la natura, l'organico e che, ironia della sorte, è irraggiungibile perché la sua condizione intrinseca è ingovernabile. La sua opera non rimane statica ma viene percepita come un legame adeguato e coerente nella sua evoluzione personale e artistica. (Testo di Ruben Alves - Curatore “Beninmadrid” Magazine)


DOVE: Brescia
QUANDO: Fino al 09-01-2019
Domenico Lusetti

Mostra dedicata allo scultore Domenico Lusetti (1908-1971). Una selezione di più di cento opere di grafica e scultura dell'artista che, dalle sponde del fiume Oglio, ha portato il suo messaggio artistico fino a New York, Berlino, Parigi, Zurigo e Londra. Orari d'apertura: dal martedì al venerdì 9-12 / 14.30– 7.30; sabato: 14.30–17.30; Domenica 14.30–18.30.

Un percorso tra i periodi artistici dello scultore, che nel plasmare la materia, una materia variegata e multiforme fatta di ceramica smaltata, bronzi ispidi, terracotta che diventa cruda e friabile, gessi colorati, pietre levigate, grezze o scalpellate, dà vita a volti, corpi, emozioni. Diceva Lusetti: «Amo ciò che caratterizza l’elemento tenace e incorruttibile della natura. La scultura, per me, non è che la precisazione di questi valori, la rivelazione della loro trascendente natura. Ciò che conta è l’umana realtà, l’aspirazione al sovrannaturale. Null’altro può sussistere di veramente poetico e grande»

 


DOVE: Borgo San Giacomo
QUANDO: Fino al 29-11-2018
"Zanna Bianca"
Proiezione del film d'animazione "Zanna Bianca".
"Visioni"
Personale "Visioni" di Franco Balduzzi. Orari d'apertura: venerdì e sabato 16-19; domenica (...)
"Profili femminili"
In esposizione la mostra "Profili femminili" di Franco Brescianini, fino a dicembre.
Virgilio Vecchia / "La classicità del quotidi ...
Aperta fino al 20 gennaio la mostra realizzata in occasione dei cinquant'anni della morte (...)
"A star is born"
Proiezione del film "A star is born".
Collezione Paolo VI / Fuorimuseo: Rudy Pulcin ...
Per la terza edizione di "Insoliti incontri. Contaminazioni d'arte lungo il fiume Chiese", (...)
PRENOTAZIONI PER "La memoria delle pietre"
Per il ciclo "Il filo delle idee", venerdì 23 novembre alle 18.30 si terrà l'incontro "La (...)
Levalet, mostra personale
Mostra personale di Levalet, a cura di Lionel Abrial. Fino al 2 dicembre con orari da merc (...)
"Tales of Lamu"
Mostra fotografica "Tales of Lamu". Orari d'apertura 10-12-, 15-18 escluso mercoledì.
Augustas Serapinas
Mostra "Augustas Serapinas - Waiting for another time". Orari: da martedì a sabato 11-18.
Domenico Lusetti
Mostra dedicata allo scultore Domenico Lusetti (1908-1971). Orari d'apertura: dal martedì (...)
Roberto Ciroli
Nell'ambito della rassegna artistica MEàRTe curata da Monica Porta per l'Associazione Asil (...)